• Scaffalature Portapallet

    Pubblicato il 23.11.2020

    Oramai da diversi anni, i pallet sono diventati lo standard per lo stoccaggio merci, e le scaffalature sono parte essenziale nei sistemi di stoccaggio in magazzino in aziende di quasi tutti i settori.

    Scaffalature portapallet

    L’utilizzo di scaffali portapallet all’interno del magazzino, resta oggi la soluzione di stoccaggio che permette un posizionamento selettivo del bancale direttamente sulle travi, permettendo un facile accesso alle merci, e una veloce movimentazione.


    Vantaggi delle scaffalature

    - Accesso diretto ad ogni pallet
    - Facilità di ricerca visiva del prodotto
    - Eliminazione di materiali presenti a terra in magazzino
    - Basso costo d’investimento, massima resa nello sfruttamento degli spazi


    Continua a leggere
  • CANTILEVER (scaffalatura con bracci a sbalzo)

    Pubblicato il 08.10.2020

    Scaffalatura metallica pesante, per lo stoccaggio di materiale in fasci o lastre, lunghi e pesanti.
    Soluzione ideale ed economica, per magazzini in cui è necessario stivare prodotti lunghi e pesanti: tubi in metallo o pvc, vergelle, legname, truciolato e fogli di cartongesso.
    Le colonne possono avere altezza da 2 a 7 metri, con carico su singolo lato, monofronte, oppure su entrambe i lati Bifronte. La scaffalatura tipo cantilever, è facilmente componibile, in questa piccola guida, vi spieghiamo come fare.

    Scelta della colonne del cantilever 

    Innanzitutto, bisogna scegliere la tipologia di colonna, in base alla posizione dell'impianto che vogliamo realizzare. Se l'esigenza è quella di allestire una parete del capannone, dobbiamo orientarci su una colonna monofronte diversamente, se vogliamo montare la struttura al centro del magazzino, con carico su entrambi i lati, la scelta è quella di colonne bifronti. L'altezza deve essere valutata in funzione del soffitto del magazzino e del carrello che utilizzeremo per le attività di movimentazione dei materiali. In questa fase. è importante scegliere anche la profondità, che dovrà tener conto della dimensione di massima dei materiali da stoccare.

    I Bracci a sbalzo

    La scelta della mensola (braccio), è abbastanza semplice. Come per le scaffalature metalliche, si dovrà scegliere una misura lunga quanto la profondità della colonna, tenendo presente che la portata dichiarata, indica il valore coincidente con la mezzeria della lunghezza del braccio.

    La Crociera per colonne

    Scegliere l'interasse tra le colonne, in relazione al tipo di materiale da immagazzinare, tenendo presente che di massima per carichi rigidi ( tubi, legnami, verghe) è possibile scegliere una misura oltre 1300 mm, mentre per carichi flessibili, e difformi, è consigliabile non superare un interasse da 850 mm.

    Esempio per il calcolo dell'interasse:
    valutare la lunghezza del carico che vogliamo stoccare, e divideremo per per il numero di bracci in appoggio Se il nostro pacco è di lunghezza 6000 mm e dato il peso abbiamo deciso che l'appoggio deve essere su 4 bracci, basterà dividere 6000:4 = 1500 mm.
    Questo è il valore dello spazio tra le colonne.

    Per scegliere quante crociere utilizzare, vi rimandiamo alla seguente tabella

    Per colonne con altezza fino a 5000 mm - Singola crociera tra le colonne
    Per colonne con altezza fino a 7000 mm - Doppia crociera sulla colonna iniziale e sull'ultima e singola sulle colonne intermedie
    * Stessa configurazione per colonne monofronte e bifronti

    Continua a leggere
  • Scaffalature per magazzino

    Pubblicato il 04.08.2020

    SCAFFALI MAGAZZINO

    Tipi di scaffalature per il magazzino: una guida rapida

    In ogni ambiente di lavoro, sono presenti scaffali di varia tipologia, che vengono utilizzati per lo stoccaggio e l'organizzazione degli spazi, ma anche per rendere il proprio lavoro più semplice e veloce. È bene però valutare adeguatamente il loro utilizzo prima dell'acquisto, ai fini di scegliere il modello con caratteristiche adeguate.

    Partendo dalle indicazioni dell'ACAI (costruttori italiani di scaffalature), le scaffalature si suddividono in:

    SCAFFALATURE LEGGERE
    Per stoccaggio di materiali non particolarmente pesanti, scatole, minuterie, attrezzi da lavoro, spesso utilizzate nelle attività commerciali come scaffalature per magazzino, ma anche in ufficio per archiviazione di documenti. La loro struttura è molto semplice:  un elemento verticale, comunemente chiamata piantana, e il ripiano metallico, con lunghezza, profondità e portata differita. 

    SCAFFALATURE MEDIO PESANTI
    Rientrano in questa classificazione, gli scaffali industriali prevalentemenete utilizzati in magazzini e capannoni per stoccaggio di materiali pesanti e movimentabili con carrelli elevatori o transpallet. La tipologia più diffusa sono le scaffalature portapallet, che servono per lo stoccaggio convenzionale della merce pallettizzata su bancali. Nel tempo sono state affiancate dagli scaffali Drive In , per ottenere un miglior sfruttamento degli aspazio per articoli con poche referenze. 

    I Cantilever, sono invece da considerarsi delle vere strutture con bracci a sbalzo, che assicurano un ampia superficie di appoggio per prodotti lunghi e pesanti: legname, profili in ferro e alluminio, cartongesso.

    Continua a leggere
  • Armadietti certificati per spogliatoio

    Certificazioni armadietti spogliatoio

    Pubblicato il 03.06.2020

    La diffusione del SARS-CoV-2, noto anche come Coronavirus ha imposto l'adozione di misure e protocolli di sicurezza al fine di contenere e ridurre il numero di contagi.
    Se si intende acquistare armadietti spogliatoio per la propria attività lavorativa é importante conoscere le normative in materia.
    In riferimento all'ambito degli armadietti spogliatoio le linee guida, in tema di sicurezza, da seguire sono fornite dal Decreto Legislativo 81/08 del 2008: il "Testo unico per la Sicurezza sul Lavoro" che mira al miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori. La normativa si rivolge sia ad aziende che enti pubblici, di qualsiasi settore di attività.
    Gaesco Srl realizza armadietti spogliatoio in lamiera d'acciaio verniciata, conformi alle normative ASL e al Decreto Legislativo 81/08 sopracitato. È offerta la possibilitá di personalizzare gli armadietti spogliatoio in base al contesto d'uso come ad esempio per palestre, piscine e pubblica amministrazione.

    Gli armadietti spogliatoio, a seconda delle disposizioni vigenti, devono soddisfare le seguenti normative:

    • Essere individuali.
    • Essere dotati di feritoie di aerazione, o fori, che favoriscono il giusto ricircolo d'aria tra lo spazio interno e l'esterno.
    • Avere un sistema di chiusura a chiave. Qualora i lavoratori svolgano attivitá durante le quali si possono sporcare, gli armadietti spogliatoio devono essere dotati di un sistema che permetta di tenere separati gli indumenti da lavoro da quelli di uso quotidiano. In questo caso la scelta deve ricadere su due armadietti o un armadietto dotato di divisorio sporco-pulito (che permette di evitare il contatto tra gli indumenti) per ogni lavoratore.
    • Avere superfici lavabili, facilmente pulibili, disinfettabili e disinfestabili. Queste caratteristiche devono essere soddisfatte dalle aziende la cui attività verte sul settore alimentare e quindi soggette al sistema HACCP2. Per soddisfare il sistema HACCP è necessario che gli armadi siano dotati di tetto inclinato.

    Per visualizzare la lista completa degli armadietti per spogliatoi certificati ti invitiamo a procedere al seguente link: Armadietti da spogliatoio in offerta

    Continua a leggere
  • Scaffalature per pneumatici

    Pubblicato il 02.03.2020

    Scaffalatura per gommisti, prodotti professionali

    Continua a leggere

5 risultati trovati (10 per pagina - 1 in totale)

Ultime news